Confederazione italiana dei centri per la regolazione naturale della fertilità

Coito interrotto

E’ una pratica molto antica, di cui si hanno notizie anche nella Bibbia (Gen. 38, 6-10) perché usata da Onan per non dare discendenza al fratello, ed ancora abbastanza diffusa nel mondo ed in Italia (circa 40-50% delle coppie) anche se poco efficace.
 
Consiste nell’interrompere il rapporto sessuale prima della deposizione del liquido seminale nella vagina della donna per evitare che spermatozoi possano entrare nel canale cervicale e di lì raggiungere poi la cellula uovo eventualmente liberata dall’ovaio e fecondarla.
 
Possiamo affermare che funziona quando non serve, cioè se si hanno rapporti nel periodo non fertile della donna o se la coppia ha una bassa fertilità. Spermatozoi  contenuti nel liquido pre-eiaculatorio oppure un minimo ritardo nel ritirare il pene dalla vagina nel periodo potenzialmente fertile è sufficiente per rendere inefficace questa pratica.
 
Sul piano sessuale non è vantaggioso né per la donna (ansia, mancato rilassamento, insoddisfazione, …) né per l’uomo (tensione, meno naturalezza e spontaneità, prostatiti, …).
 
Se usato avendo più partner oltre a non essere efficace espone  al rischio reciproco di malattie infettive a trasmissione sessuale (HIV, sifilide, Epatite B e C, gonorrea, …).
Torna indietro

SEGNALAZIONE ARTICOLI


Per saperne di più consulta anche la sezione dedicata agli articoli pubblicati sui metodi naturali. Dei metodi di regolazione naturale della fertilità hanno scritto che...

Cerca gli INSEGNANTI in Italia